Un Secolo d'Azzurro
è la più grande e completa mostra itinerante sulla storia della Nazionale di calcio italiana
con oltre 500 cimeli originali dal 1870 al 2020


Seguici su Facebook

MOSTRA

“Un Secolo d’Azzurro” nasce nel 2018 con l’obiettivo di diffondere la storia, la cultura e i valori del calcio attraverso una mostra itinerante che abbraccia, a partire dalla fine del XIX secolo, oltre un secolo di storia.
L' esposizione – che comprende oltre 500 cimeli tra memorabilia e materiale cartaceo – segue un percorso cronologico e parallelo alla storia d’Italia, da cui il calcio ha mutuato i processi evolutivi sociali e tecnologici.
La narrazione sportiva viaggia in parallelo con quella della storia d’Italia, dalla sua Unità a oggi. La ricostruzione storico-sportiva è molto accurata, frutto di un’attenta ricerca documentata attraverso una serie di pubblicazioni. Il racconto parte dal XIX secolo con l’esposizione memorabilia originali, come i palloni e gli scarpini della fine dell’800 fino ai giorni d’oggi. Si possono ammirare le maglie degli anni Cinquanta, come quella di Amedeo Amadei a quelle degli anni Sessanta/Settanta come quella di Gianni Rivera, fino a quelle di Paolo Rossi, Del Piero, Vialli e tanti altri campioni. La rassegna è aggiornata al 2020 con la presentazione di maglie uniche e originali, preparate per le gare, come quelle di Verratti, Insigne, Zaniolo, Bonucci, Chiellini, Immobile in cui sin inserisce anche la maglia del centenario di Paolo Maldini, quella dell’esordio di Buffon a Francia 98 e tante altre curiosità.
La mostra è, altresì, un contenitore di eventi destinato a stimolare la conoscenza dell’universo che ruota attorno al calcio attraverso la partecipazione di esperti del settore, giornalisti, medici e tutti coloro che, a vario titolo, contribuiscono ad alimentare questo percorso.



#STREET MUSEUM

La pandemia in atto ha limitato notevolmente le iniziative culturali e gli eventi annullando quello spirito di aggregazione che è alla base di ogni società civile. Le comprensibili paure della gente hanno disegnato uno scenario irreale che, a cascata, ha inciso anche sul mondo del lavoro e del commercio. La timida riapertura si scontra con le misure restrittive che non solo continuano a limitare il movimento delle persone ma stanno incidendo profondamente sul tessuto economico, sulle abitudini, sulla crescita culturale. Si può continuare a fare cultura e allo stesso tempo rimettere in movimento la gente garantendo le necessarie misure di sicurezza? Sicuramente sì, perché una mostra può essere proposta anche fuori dai propri confini naturali, trasformando quei luoghi solitamente dedicati ad altre attività in contenitori culturali, senza per questo snaturare le attività per cui questi luoghi sono nati. Il riferimento è alla strada, alle vie commerciali dove le vetrine dei negozi si possono trasformare in singole teche espositive, diventando degli espositori museali. Uno Street Museum, dove i vari negozi, uno accanto all’altro, mettendo a disposizione degli spazi disponibili sono in grado di offrire al pubblico quella continuità di offerta culturale e allo stesso tempo mettere in evidenza i loro prodotti. Un’occasione unica per rimettersi in moto, coinvolgere la gente ed ampliare la platea di clienti. È la cultura che scende in strada, che si confonde tra la gente, che la coinvolge e la stimola in un processo di riappropriazione del territorio. Un progetto semplice, naturale, visibile ed economico. Un valore aggiunto per tutti, nessuno escluso.



#FOOD & FOOTball

Il calcio è cultura ma è anche portatore di un forte rapporto con il territorio a cui questa mostra si rivolge attraverso altri eventi-contenitore come “Food & Football”, un incontro tra la cultura dello sport e quella eno-gastronomica del territorio. Un momento conviviale dove il dialogo e il confronto si sovrappongono alle degustazioni delle eccellenze alimentari locali. Si parla di calcio, del mangiare sano, si degusta vino, in un talk show tra operatori sportivi (atleti, giornalisti, allenatori), operatori del settore gastronomico (chef, produttori) e medici dell’alimentazione. Una corretta alimentazione è fondamentale non solo nello sport ma per tutti, per garantire la qualità della vita. Un’alimentazione varia ed equilibrata è alla base di una vita in salute. Un’alimentazione inadeguata, di contro, incide sul benessere psico-fisico della persona e rappresenta uno dei principali fattori di rischio per l’insorgenza di numerose malattie croniche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, circa 1/3 delle malattie cardiovascolari e dei tumori potrebbero essere evitati grazie a una equilibrata e sana alimentazione.



#G.O.A.L.

La filosofia valoriale che sostiene questo progetto è racchiusa nell’acronimo G.O.A.L. (Gioco Onesto Atletico Leale) per evidenziare i valori contenuti nei messaggi che la cultura calcistica racchiude quali onestà, sacrificio, lealtà, cura del proprio corpo senza ricorrere a pratiche sleali. Ma anche la solidarietà, l’integrazione, il sostegno alle diverse abilità. La mostra, quindi, è anche uno strumento per interagire con il territorio, un’apertura di dialogo con la gente, con le scuole per sensibilizzare la popolazione verso temi di particolare sensibilità sociale come la disabilità, l’ambiente, la salute. Per questo abbiamo aperto una collaborazione e sosteniamo “Oltre lo Sport” un’associazione di ragazzi diversamente abili per far conoscere il Powerchair Football, il calcio in carrozzina elettrica. Ragazzi che sono riusciti a rendere normale ciò che per tutti sembrava impossibile, che hanno raggiunto obiettivi straordinari nonostante le loro gravi disabilità, come ad esempio, malattie neuromuscolari tra cui la distrofia muscolare, amiotrofia spinale (SMA), l’osteogenesi imperfetta. Con loro e per loro, per far conoscere ad altri ragazzi nelle stesse condizioni questo sport e fargli sapere che esiste la possibilità di aggregazione, di confronto, di crescita attraverso lo sport. Un’opera di divulgazione importante che ha come mission quella di consentire anche alle persone affette dalle più gravi disabilità fisiche di praticare sport e ottenere tutti i vantaggi fisici e psicologici annessi.


CHI SIAMO



#Organizzazione

La mostra e gli eventi sono organizzati dall’Associazione S. Anna, accreditata come Rappresentante di interessi presso la Camera dei deputati, coordinata dal suo presidente, Aldo Rossi Merighi e dalla giornalista parlamentare Sabrina Trombetti

Sabrina Trombetti

Sabrina Trombetti
S.Anna-logo
Giornalista parlamentare, Direttore Responsabile del Magazine Theenvoy.eu, è stata Portavoce e Responsabile della Comunicazione di noti personaggi politici. Rappresentante di Interessi presso la Camera dei Deputati per il Terzo Settore e lo Sport, Responsabile della Comunicazione della Malta Football Association di ROMA, della missione internazionale Stop War Play Football e del torneo internazionale di calcio giovanile Semilleros Italia

Aldo Rossi Merighi

Aldo Rossi Merighi
S.Anna-logo
Presidente dell’Associazione S. Anna, accreditata come Rappresentante di interessi presso la Camera dei deputati



#Curatore

La mostra è curata da Mauro Grimaldi, dirigente sportivo, giornalista pubblicista e scrittore. Ha ricoperto numerosi ruoli nel mondo del calcio tra cui quello di Segretario Generale della Lega Nazionale Dilettanti, Responsabile del Servizio tecnico del Totocalcio, Vicepresidente Vicario della Lega Italiana Calcio Professionistico. Attualmente è Consigliere Delegato della Federcalcio Servizi. Autore di numerose pubblicazioni storiche, ha vinto il Premio selezione Bancarella Sport nel 2000, nel 2014 e ottenuto una menzione speciale nel 2013. Vincitore del Premio di letteratura sportiva Gabriele Sandri nel 2012 e del Premio Racalmare “Leonardo Sciascia”, nella sezione editoria per ragazzi, nel 2019.

Mauro Grimaldi

Mauro Grimaldi


CREDITI

  • Un secolo d'Azzurro ha il patrocinio delle seguenti Organizzazioni:

    • F.I.G.C.
    • A.N.C.I.
    • A.I.A.
    • A.I.A.C.
    • LEGA PRO
    • LEGA NAZIONALE DILETTANTI
    • MUSEO DEL CALCIO DI COVERCIANO
    • MUSEO DEL GRANDE TORINO E DELLA LEGGENDA GRANATA
    • MUSEO DEL GENOA
    • COMITATO PARALIMPICO
    • CONFASSOCIAZIONI
  • Un secolo d'Azzurro è curata dal Dott. Mauro Grimaldi ed è Promossa da

    • Associazione S.Anna di Aldo Rossi Merighi
    • Sabrina Trombetti


CIMELI

I cimeli esposti abbracciano oltre un secolo di storia a partire dalla fine del XIX seguendo, passo passo, i processi storici, l’evoluzione dei materiali tecnici, quella della stampa sportiva fino ai giorni d’oggi. Un grande affresco di facile lettura per tutte le generazioni. Oltre ai cimeli esposti all’interno della mostra, Un secolo d’Azzurro offre una vetrina per il materiale che i vari collezionisti desiderano esporre sia in forma virtuale in questa sezione del sito, sia materialmente accompagnandoci nelle varie mostre.


# i nostri Cimeli


IL VIAGGIO

Un secolo d’Azzurro è un museo itinerante e per questo ha interessato e interesserà varie città d’Italia. Abbiamo ritenuto opportuno documentare con delle immagini i percorsi e le esperienze fatte nelle varie città, gli articoli più significativi, i nostri progetti per il futuro.


Le nostre Tappe

  • Il 19 ottobre a Cava de’ Tirreni la Mostra antologica “UN SECOLO D’AZZURRO”, con l'assegnazione del Premio “PIERO SANTIN” a Pippo e Simone Inzaghi
    Leggi l'articolo...

  • vasto
    Tappa a Vasto, la prima post Covid, della mostra itinerante “Un Secolo d’Azzurro – Cento anni di storia della Nazionale italiana di calcio”, che porta in risalto tanti preziosi cimeli legati al movimento del pallone nazionale e, tra questi spiccano le riproduzioni della Coppa Rimet e della Coppa del Mondo vinte dagli azzurri, oltre a maglie, divise, palloni storici, scarpini ed altro materiale.
    Leggi l'articolo...


  • cisterna



  • viterbo
    ''Un secolo d'Azzurro'', la mostra antologica, patrocinata F. I.G.C., che racconta i primi cento anni della Nazionale italiana (1898-2006) arriva a Viterbo.
    Leggi l'articolo...


  • rimini


  • casarano


  • cava-de-tirreni


  • bari


  • taranto


  • vercelli


  • lariano

"Con oltre 200 cimeli esposti é, senza dubbio, la collezione più grande d'Italia sulla storia degli azzurri: dal primo pallone con cui si giocò in Italia (1890) alla maglietta del mitico cucchiaio di Francesco Totti (2000) passando per il Federale 102 del mondiale 1934 e la tuta Mundial di Enzo Bearzot."

Michele Marchetti
Corriere dello Sport



"Magliette, scarpini, palloni e tanto altro materiale da collezione per ripercorrere gli oltre 120 anni della nazionale italiana - dal 1898 al 2020 - e che fa rivivere le sue vittorie più belle. Una storia che unisce le generazioni, una storia non solo di calcio ma anche del nostro Paese."

Alberto Ghiacci
Corriere dello Sport



PRESS

Corriere dello Sport (26 MAGGIO 2020)

corriere dello sport

Un Secolo d'Azzurro: "Un progetto visionario che va oltre il rettangolo verde"


leggi l'articolo...

Corriere dello Sport (20 AGOSTO 2020)

corriere dello sport

Un Secolo d'Azzurro: "Riparte 'Un Secolo d'Azzurro', la grande storia della nazionale italiana"


leggi l'articolo...

La Stampa (11 Marzo 2019)

la-stampa

"Con 'Un Secolo d’Azzurro' in Santa Chiara rivivono i fasti della Nazionale"


leggi l'articolo...

Ansa (19 ottobre 2018)

la-stampa

"I primi 50 anni di calcio in una mostra"


leggi l'articolo...


BIBLIO

Un secolo d’Azzurro promuove anche la cultura storica del calcio, sia attraverso proprie pubblicazioni, sia ospitando libri e ricerche interessanti sulla storia del calcio. Un punto di riferimento per tutti gli appassionati, uno spezio di confronto e di dibattito.



Storia del calcio in Italia nel movimento sportivo europeo (1998)

libro-1

Una lettura, attraverso le vicende storiche italiane, dell’affermazione dello sport di massa e della crescita del football moderno dal 1898 al 1998. Prefazione Gigi Riva Ediz. Stampa Sportiva (non disponibile)

Leandro Arpinati. Un anarchico alla corte di Mussolini (1999)

libro-1

La drammatica biografia di uno dei più interessanti e controversi personaggi del calcio italiano. Una vicenda funzionale ai successi di quegli anni ricostruito con documenti dell’Archivio di Stato. Edizioni Stampa Sportiva (non disponibile) Premio Selezione Bancarella Sport (2000)

La Roma storia e mito (2010-2014)

Un’opera antologica sull’ A.S. Roma, in quattro volumi (racchiusi in un cofanetto) con citazioni storiche e documentate, foto e dati statistici. Il Corriere dello Sport nel luglio 2016 ha abbinato l’opera completa alla vendita del giornale. Premio Gabriele Sandri 2014 per la letteratura sportiva. Ediz. Eraclea

vittorio Pozzo- Storia di un italiano (I ediz. 2001, II ediz. 2018) Ediz. Eraclea

libro-1

La parabola straordinaria di uno dei tecnici più importanti e vincenti della storia del calcio italiano. Con lui la Nazionale, tra il 1934 e il 1938, ha vinto due titoli mondiali e un'Olimpiade a Berlino nel 1936, record ancora oggi ineguagliato

La Nazionale del Duce (I ediz. 2003, II ediz. 2018) Ediz. Eraclea

libro-1

Storia, fatti ed aneddoti del periodo d’oro della Nazionale italiana, icona della propaganda fascista

Storie d'Italia, del calcio e della Nazionale. Uomini, fatti, aneddoti (1850-1949) 2020

libro-1

Una entusiasmante lettura parallela tra la storia d’Italia e quella del calcio, dall’era pioneristica fino alla tragedia di Superga. Un affresco unico di un secolo di storia. Ediz. Lab FDG


leggi l'articolo...


CONTATTI


Sabrina Trombetti
Responsabile organizzativa


3483856269